Sindacalismo universale

 

Nasce la Carta dei diritti universali del lavoro. Il nuovo Statuto. Un patrimonio di dignità e libertà. Una sfida da vincere insieme. Vieni in tutte le piazze d’Italia e sostienila con la CGIL.  Carta dei Diritti Universali del Lavoro: è tua, firmala“.

Così recita uno dei tanti spot diffusi dalla CGIL, che ha redatto una proposta di di legge di iniziativa popolare per una Carta dei diritti universali del lavoro.

A prima vista si direbbe un progetto ambizioso, troppo. Soprattutto se si pensa che a proporlo è un soggetto, il Sindacato, che negli ultimi decenni si è distinto per avere permesso il graduale smantellamento delle conquiste realizzate con le lotte sindacali dei trent’anni succeduti al dopoguerra.
In effetti suona abbastanza incongrua la pretesa di scrivere una Carta universale dei diritti del lavoro quando non si è stati in grado di difendere quella, più prosaicamente locale, rappresentata dallo Statuto dei lavoratori, com’è noto abrogato di recente in via definitiva da un PD ormai omologato senza remore al liberalismo,  a brillante esito di un processo di demolizione  intrapreso diversi governi fa.

Una riflessione più attenta, tuttavia, porta a conclusioni diverse.
A pensarci bene, infatti, quanto più universali sono i principi tanto meno diventano impegnativi, dato che è la loro stessa genericità a renderli innocui: nemmeno il più cinico fra gli uomini si rifiuterebbe di gridare “viva la mamma”.

Di converso è proprio la loro traduzione in norme concrete e cogenti, come appunto quelle dell’ormai defunto Statuto, a disturbare i manovratori,  i quali – si sa – non devono essere disturbati.

Sta quindi nell’ordine logico delle cose che il Sindacato, nello specifico la CGIL, scelga di impegnarsi in una battaglia di forma, alla portata della sua debolezza politica, piuttosto che nelle tangibili lotte a oltranza che le circostanze richiederebbero, ma che farebbero emergere l’insignificanza in cui si è lasciato relegare nel corso degli anni.

Informazioni su Mauro Poggi

Fotodilettante Viaggiamatore
Questa voce è stata pubblicata in Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Sindacalismo universale

  1. Sendivogius ha detto:

    AAAAA+++
    Mauro, sei sempre il migliore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...