Il Piano Funk

Il Piano Funk, ovvero: la prefigurazione, 75 anni fa, di una distopia che accade oggi.

Liberthalia

MIMIC

«Le discussioni sulla struttura e sull’organizzazione dell’economia tedesca ed europea dopo la guerra, compresi gli effetti che la guerra avrà sull’economia mondiale, negli ultimi tempi stanno riempiendo le colonne della stampa tedesca e straniera, in misura crescente.
Tanto gli uomini d’affari che gli analisti stanno dando una particolare attenzione a questi problemi, mentre alcune idee e piani più o meno fantastici hanno causato una notevole confusione.
Anche il grande filosofo Hegel è stato tirato in ballo, come fonte di prova a sostegno di certe opinioni. Abbondano le frasi fatte di tutti i tipi, tra le quali la più abusata è che l’Europa deve diventare uno spazio economico più grande.
Qualunque sia la verità contenuta in questa affermazione, prima di tutto si deve ammettere che questa Grande Europa attualmente non esiste, che questa deve prima essere creata e che all’interno della sua area ci sono ancora molte frizioni.
In queste…

View original post 1.547 altre parole

Informazioni su Mauro Poggi

Fotodilettante Viaggiamatore
Questa voce è stata pubblicata in Società, Storia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il Piano Funk

  1. aldoricci ha detto:

    … ti ci sarà voluta la pazienza di Giobbe… si può essere più contorti, prolissi & noiosi come Liberthalia?

  2. aldoricci ha detto:

    Chi non sa scrivere farebbe meglio ad astenersi o no?!

    • Mauro Poggi ha detto:

      Mah, caro Aldo, non sarei così severo … Dopotutto l’articolo è costituito per un buon 80% dalla trascrizione in ampi stralci della visione che Funk e il nazismo avevano dell’Europa a venire, una volta vinta la guerra. Liberthalia avrebbe potuto optare per un veloce riassunto, ma un riassunto implica scelte, e forse non voleva dar adito a sospetti di strumentalizzazione – dati gli inquietanti paralleli con l’Europa odierna. Il restante 20% a commento non è poi così prolisso. Contorto? direi piuttosto “puntigliosamente argomentato”; ma ci sta, proprio per la stessa ragione. Noioso? A mio parere ciò dipende, più che dallo stile dell’autore, dall’interesse del lettore per l’argomento: che è la deriva autoritaria e antisociale del sistema europeo. Un aspetto del problema che passa piuttosto inavvertito ai più, probabilmente perché quello economico è vissuto dalla gente in modo prioritario, anche se a mio avviso sono solo le due facce della stessa medaglia.
      Quanto alla tua seconda domanda, di tipo wittgensteiniano (🙂 ) non potrei mai dichiararmi d’accordo, altrimenti per coerenza dovrei immediatamente chiudere questo blog😦

  3. aldoricci ha detto:

    … già non si ha il tempo di leggere la massa impressionate di alfabetizzati… figuriamoci gli altri…

    • Sendivogius ha detto:

      Caro Aldo,
      Attendo con piacere di poter partecipare alle tue lezioni di scrittura creativa; così finalmente potrò imparare tanto come si scrive, quanto come si argomenta un’opinione.
      Nell’attesa, faccio modestamente notare che la quasi totalità del testo pubblicato, contorto e noioso e prolisso, è in realtà una citazione. L’uso delle virgolette e del corsivo in genere serve a quello.
      Poi certo prendo atto che si tratta di una traduzione (la mia) su testo inglese, dall’originale in tedesco.
      Alcuni brani, sì, erano contorti. Tanto che ho dovuti confrontarli con l’originale in tedesco.
      Ma io non sono un linguista. Resto un traduttore assai mediocre. E scrittore ancor peggiore: i miei 10.000 e oltre Lettori stanno lì a testimoniarlo.
      Perciò, se la traduzione non piace, liberissimo di provvedere da te.
      Sono assolutamente certo che saprai fare di meglio…

      A la prochaine fois!
      Tuo Affezionatissimo
      Sendivogius

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...