Il welfare della Fornero. Un radioso passato davanti a noi.

Da La Stampa del 27/02/2012 leggo l’intervista al nostro piagnucoloso ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, signora Elsa Fornero, a New York per chiedere all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite una risoluzione contro le mutilazioni genitali femminili.

”Il vero welfare era quello di Santi sociali come a Torino sono stati Cottolengo e Don Bosco, ma poi il welfare è stato vittima di un gigantismo a cui il debito ha dato il colpo di grazia, era un sogno ed ora dobbiamo fare i conti con la realtà”.

Vado su Wikipedia a dare un’occhiata, tanto per contestualizzare:
Giuseppe Agostino Benedetto Cottolengo, nato a Brà nl 1786 e morto a Chieri nel 1842.
Giovanni Melchiorre Bosco, nato a Castelnuovo d’Asti nel 1815 e morto a Torino nel 1888.

Mi chiedo, con un senso di vertigine: non sarà, quella della Fornero, una visione dello stato sociale troppo innovativa?

.

Annunci

Informazioni su Mauro Poggi

Fotodilettante Viaggiamatore
Questa voce è stata pubblicata in Società e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il welfare della Fornero. Un radioso passato davanti a noi.

  1. Pingback: Di sanità leggere, di reti primarie, di terzi settori « Mauro Poggi

  2. Pingback: Di sanità leggere, di reti primarie, di terzi settori | Appello al Popolo - E-zine risorgimentale – Organo del partito che ancora non c'e'

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...