Spoon River himalayana

A metà strada fra Dingboche e Lobuche, subito dopo il villaggio di Doughla, il sentiero sale per un centinaio di metri e porta a un pianoro chiamato Chukpilhara, più conosciuto come Memorial Stones. E’ un’area dedicata alla memoria di coloro che hanno perso la vita sull’Everest.

Lì si cammina in silenzio fra tumuli di sassi e piccoli chorten costruiti da mani devote, sotto ghirlande di bandiere tibetane che il vento scuote appena per diffondere nell’aria l’incessante preghiera. E’ una piccola Spoon River, dove targhe di pietra o metallo evocano brevemente il comune destino di esistenze troppo presto compiute: a volte raccontando il dolore di chi è rimasto, a volte dicendo solo un  nome e una data.

Do not stand at my grave and weep
I am no there. I do not sleep.
I am a thousand winds  that blow.
I am the diamond glints on snow.                                                                           

Non piangere sulla mia tomba
Io non sono lì. Io non dormo.
Io sono i mille venti che soffiano.
Io sono il bagliore della gemma sulla neve.


 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 
 (Nota: per soffermarsi su una foto entrare col cursore nell’area slideshow è cliccare sul simbolo Pausa/Avvio)
 
 
 
 
 
 
 

 

Informazioni su Mauro Poggi

Fotodilettante Viaggiamatore
Questa voce è stata pubblicata in Viaggi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...