Di millantate vittorie e di sconfitte rimosse

Il fallimento al Consiglio europeo dello scorso 23 aprile in sé ci starebbe pure: dato lo stato di manifesta subordinazione – culturale prima ancora che politica – in cui versano i nostri decisori, non potevamo oggettivamente aspettarci di meglio.

Quello che disturba e preoccupa è il volerlo fare passare per un grandioso successo.
Raccontarsi la disfatta come se fosse una vittoria significa che non ci si prepara a reagire di conseguenza, e dunque che ci si dispone a essere sconfitti anche per le occasioni a venire.

È il modo peggiore di perdere. Ed è disperante la ragionevole certezza che le cose non sarebbero cambiate se al posto dell’attuale compagine al governo ci fosse stata quella attualmente all’opposizione.

È lì – nella narrazione che rifiuta la realtà – che ci sentiamo presi per le terga; ed è lì che si capisce come con questo ceto politico non potremo mai uscirne.
Perché è lì che si capisce che la condizione di sottomissione psicologica non è circostanziale, ma frutto di una consolidata tradizione di ossequio al podestà straniero, grazie alla quale tanti piccoli quisling – alcuni inconsapevoli, altri in piena consapevolezza – hanno trovato l’ideale brodo di coltura dove prosperare.

Informazioni su Mauro Poggi

Fotodilettante Viaggiamatore
Questa voce è stata pubblicata in Economia e finanza, Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...