Padoan e le previsioni del tempo

Previsioni-del-Tempo

Il Corriere della Sera sera pubblica un’intervista al Ministro dell’economia Padoan. Sintesi: “La paura del terrorismo può pesare sulla crescita“.
Mai sprecare una buona scusa.

Colpisce la risposta alla domanda se l’obiettivo per il 2016 (PIL +0,9%) a questo punto è ancora valido: “Non è un obiettivo – puntualizza il Ministro – è una previsione“.
Sembra una precisazione da poco, in realtà esprime in modo eloquente lo spirito politico che anima il nostro tempo: la rinuncia dello Stato a tentare di governare l’economia, in perfetta adesione al pensiero unico che vede nelle “leggi naturali” del mercato la condizione di ineluttabilità a cui tutti ci dobbiamo inchinare, perché il mercato knows better.
Guai a interferire – c’è il rischio che il suo sofisticato meccanismo di autoregolazione si ingrippi.

Quella che dopo varie denominazioni nel tempo è arrivata a chiamarsi, sommessamente, “Legge di stabilità” è dunque un documento di previsione passiva, un vaticinio buono tutt’al più a determinare l’entità degli interventi fiscali (maggiori tasse e/o tagli alla spesa) necessari a mantenere il bilancio dello Stato entro i parametri fissati dal “ce lo chiede l’Europa”.
Non più obiettivi ma analisi dell’esistente per estrapolare le tendenze della natura a cui occorre adattarsi.

Una metodologia, insomma, ispirata a quella di un Ufficio meteorologico qualunque (che tuttavia si basa sull’interpretazione di elementi meno manipolabili); con un Ministro dell’economia nel ruolo analogo a quello dei vari omini del tempo.
Ai quali, noto incidentalmente, il pubblico si riferisce generalmente con l’appellativo rassegnato di “bugiardoni”.

Informazioni su Mauro Poggi

Fotodilettante Viaggiamatore
Questa voce è stata pubblicata in Economia e finanza, Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Padoan e le previsioni del tempo

  1. Sendivogius ha detto:

    Leggere le tue riflessioni è un piacere che si rinnova ogni volta, accresciuto nel tempo.
    Mi hai fatto venire in mente un vecchio sonetto di G.G.Belli, abusatissimo nell’uso della sua battuta più riuscita. Si tratta de “Li soprani der monno vecchio” (“I sovrani del mondo antico”); è nel dialetto romanesco di inizio ‘800 (molto più ostico della parlata imbastardita di oggi), ma rende benissimo l’idea di questo ministro, con tutta la difficoltà di capire se sia suddito, vassallo, o principe, nell’indefinitezza (inutilità) del suo ruolo. In ogni caso, per dirla con le parole del Belli, un gran “bbuggiarone”.

  2. Mauro Poggi ha detto:

    Belli è sempre illuminante e fonte di ispirazione. Il sonetto a cui fai cenno, che non conoscevo, andrebbe fatto studiare a scuola. (Tra l’altro non sapevo che la celeberrima osservazione del Marchese del Grillo, nel film omonimo, “Io so’ io, e vvoi nun zete un cazzo” venisse da qui). A parte la lingua, non si direbbe proprio che sono trascorsi duecento anni: anche noi, nel nostro piccolo, siamo vendibili “un tant’er mazzo”, e il sovrano che storce e raddrizza a suo capriccio, fonte della legittimità, non è poi una figura così peregrina ai giorni nostri, anche se non si presenta in termini così espliciti.
    Trascrivo il frutto della ricerca, a beneficio di chi legge:

    LI SOPRANI DER MONNO VECCHIO
    (di Giuseppe Gioacchino Belli)

    C’era una volta un Re cche ddar palazzo
    mannò ffora a li popoli st’editto:
    – Io so’ io, e vvoi nun zete un cazzo,
    sori vassalli bbuggiaroni, e zzitto.

    Io fo ddritto lo storto e storto er dritto:
    pozzo vénneve a ttutti a un tant’er mazzo:
    Io, si vve fo impiccà, nun ve strapazzo,
    ché la vita e la robba Io ve l’affitto.

    Chi abbita a sto monno senza er titolo
    o dde Papa, o dde Re, o dd’Imperatore,
    quello nun pò avé mmai vosce in capitolo.

    Co st’editto annò er boja pe ccuriero,
    interroganno tutti in zur tenore;
    e, arisposero tutti: E’ vvero, è vvero.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...