Paolo Savona: lettera aperta al Presidente (che non c’è)

Paolo Savona scrive una lettera aperta al Presidente Mattarella sull’incombente accordo europeo di “Gestione in comune“, un progetto che prevede la creazione di un Fondo Comune Europeo per affrontare le crisi degli Stati membri, da finanziare tramite la cessione di una quota delle entrate fiscale di ogni stato (o in alternativa con tasse addizionali).

La gestione del Fondo verrebbe delegata a una nuova figura di alto dirigente comunitario, una specie di superministro delle Finanze dell’Eurozona, che si incaricherebbe di reperire e gestire i fondi con le stesse modalità operative che caratterizzano l’agire di tutti gli alti tecnocrati europei: indipendenza, discrezionalità, nessuna sindacabilità a cui sottostare, soprattutto se di tipo democratico. (Questo vale solo ovviamente nei confronti degli Stati privi di significativo peso politico-economico, a spanne 18 su 19).

Uno degli aspetti inquietanti è che questa nuova figura di superministro sta assumendo le sembianze minacciose di Mario Monti – ebbene sì, chi se lo immaginava a godersi serenamente lo stipendio di senatore a vita dovrà ricredersi. Lo storico e giornalista Nico Perrone ci fa sapere infatti su Barbadillo che la nomina è stata democraticamente concordata all’unanimità fra il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Junker, e il Ministro dell’economia tedesco, Wolfgang Schäuble, addirittura dal passato febbraio.

Non a caso dunque l’ineffabile Mario, in un’intervista a Repubblica del 15 luglio, dichiarava fra le priorità europee quella di “… creare qualche forma di fiscalità accentrata, se si vuole un’Europa più compatta e forte che eviti un altro corto circuito. Si può declinare in vari modi, quali tasse conferire, quali interventi di interesse comune pianificare. L’area euro può servire da battistrada per estendere poi la riforma a tutta l’Unione”.
A chi si chiedesse, magari con una punta di malizia, come mai tutto ciò sia ancora una volta trascurato dai media – ridotto  a notizia-trafiletto da qualche parte nelle sezioni specializzate – e quindi ignorato dalla gente, faccio presente che l’intera informazione nazionale è stata oberata da altre più impellenti questioni e analisi, tipo il funerale Casamonica.

[Enfasi mie]

Savona

Presidente_Sergio_Mattarella

Caro Presidente,

per il rispetto che porto all’Istituzione che presiede e a Lei personalmente, è con molta ansia che Le indirizzo questa lettera aperta riguardante una scelta che considero fondamentale per il futuro dell’Italia: la cessione della sovranità fiscale per far funzionare la sovranità monetaria europea, dato che questa è stata ceduta dagli Stati-membri senza stabilire quando e come si dovesse pervenire all’indispensabile unione politica necessaria per rendere irreversibile l’euro, né attribuire alla Banca Centrale Europea il potere di svolgere la funzione  di lender of last resort in caso di attacchi speculativi come quelli che abbiamo vissuto dopo la crisi finanziaria americana del 2008.

Invece di affrontare questi due problemi vitali per il futuro dell’Europa si chiede di sottoscrivere un accordo per cedere la sovranità fiscale residua che, per pudore, viene chiamata “gestione in comune”. Il Presidente della Bundesbank ne ha riproposto e precisato i contenuti in un recente discorso.

Leggo sui giornali che Lei avrebbe concordato con il Presidente della BCE e il Ministro dell’economia e finanza italiano una strategia in attuazione del previsto accordo. Non credo di dovere spiegare a Lei perché nomino istituzioni e non persone. Penso che queste notizie siano suggerimenti di persone scriteriate (l’aggettivo è di un Suo illustre predecessore, Luigi Einaudi) che, non fidandosi più del Paese, ammesso che mai se ne siano fidate, lo vogliono colonizzare; una sorta di fastidio per i disturbi che provengono per i loro interessi.
Spero che la notizia sia infondata, perché se non lo fosse, sarebbe Suo dovere smentirla, secondo un insegnamento che mi ha dato Ugo La Malfa: se un notizia è falsa, non si smentisce, se è vera, si deve farlo; e, aggiungeva che, se i contenuti della notizia erano particolarmente importanti – come sarebbe la cessione della sovranità fiscale che marcherebbe la fine della democrazia italiana senza che ne nasca un’altra – non si doveva solo smentire, ma farlo in modo energico.

A ogni buon conto, se una tale scelta maturasse, Lei non potrebbe ratificarla, perché  l’art. 11 della Costituzione dice chiaramente che l’Italia  “…consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”.

Naturalmente diranno che la decisione risponde a queste condizioni (pace, giustizia e parità con altri Stati) ma, sulla base dell’esperienza fatta con la cessione all’Unione Europea della sovranità di regolare i mercati e di battere moneta, queste sono pure ipotesi, una vera truffa per taluni e un’ingenuità per altri, che né la scienza economica (mi passi il termine), né la politica, che pretese di scienza non ha mai avuto, possono asseverare.
I trattati internazionali sono contratti giuridici tra nazioni e l’oggetto del Patto stipulato a Maastricht in attuazione dell’Atto unico e ribadito a Lisbona nel 2000 parla chiaro: all’art. 2, punto 3, afferma che L’Unione “…Si adopera per lo sviluppo sostenibile dell’Europa, basato su una crescita economica equilibrata e sulla stabilità dei prezzi, su un’economia sociale di mercato fortemente competitiva, che mira alla piena occupazione e al progresso sociale, e su un elevato livello di tutela e di miglioramento della qualità dell’ambiente. Essa promuove il progresso scientifico e tecnologico. L’Unione combatte l’esclusione sociale e le discriminazioni e promuove la giustizia e la protezione sociali, la parità tra donne e uomini, la solidarietà tra le generazioni e la tutela dei diritti del minore. Essa promuove la coesione economica, sociale e territoriale, e la solidarietà tra gli Stati membri”.

Le chiedo, caro Presidente, se Lei ritiene che questo impegno sia stato adempiuto e quali siano, anche dopo l’esperienza della crisi greca, le probabilità che lo possa essere anche ipotizzando di cedere la parte residua della sovranità nazionale in cambio (il termine è già un eufemismo) di un’assistenza finanziaria accompagnata da vincoli che violano il dettato della nostra Costituzione che Lei è deputato da tutelare.
Invece di uscire dal paradosso di un non-Stato europeo formato da non-Stati nazionali si intende approfondire questa strana configurazione istituzionale, perché appare vantaggiosa a pochi paesi capeggiati dalla Germania.

Poiché la tesi del vantaggio che potremmo ricavarne è priva di fondamento, da tempo si insiste nello spargere terrore su quello che avverrebbe se l’euro crollasse, trascinando il mercato unico, aggiungendo la ciliegina della speranza che in futuro le cose andranno meglio e che si va facendo di tutto affinché ciò avvenga.

Vivere nel terrore del dopo e nelle speranze che le cose cambino, senza attivare gli strumenti adatti affinché ciò avvenga, non è posizione politica dignitosa. L’Italia non si è tirata indietro quando è stato chiesto di pagare un costo elevato in termini di vite umane per giungere all’unità e per uscire dalla dittatura nazifascista, perché sapeva valutare il costo di rimanere nelle condizioni in cui si trovava. Spero che la nuova classe dirigente non si tiri indietro e sappia chiedere e far accettare un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni.

Per l’Italia non esiste alternativa al chiedere il rispetto congiunto del dettato costituzionale e dell’oggetto del Trattato europeo vigente e Lei ne è garante.

§

Annunci

Informazioni su Mauro Poggi

Fotodilettante Viaggiamatore
Questa voce è stata pubblicata in Società e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Paolo Savona: lettera aperta al Presidente (che non c’è)

  1. popof1955 ha detto:

    La cosa è molto inquietante, ma di fatto il gioco a rimpiattino tra BCE e Commissione Europea seppur spersonalizzato è già questo, le mani nel bilancio le mettono comunque, non che i nostri siano degli stinchi di santo, ma se non altro sono espressione di un voto popolare.

  2. Gabriella Giudici ha detto:

    Mi ero persa la notizia: vampiri ancora in azione, mai pieni, mai sazi,

    • Mauro Poggi ha detto:

      Hanno ancora un lungo lavoro da compiere. Non si fermeranno che quando avranno cancellato definitivamente gli Stati e le popolazioni si saranno convinte che è molto meglio essere sudditi del Sistema Europa piuttosto che cittadini di Nazioni.
      Le informazioni significative, quando compaiono, sono nascoste da notizie tanto più mediaticamente eclatanti quanto meno rilevanti dal punto di vista politico-sociale. In queste condizioni è solo per caso che se ne può venire a conoscenza.

  3. Gabriella Giudici ha detto:

    Non che l’essere cittadini di stati e nazioni sia un punto d’arrivo ma, effettivamente, l’autoritarismo ha sempre meno bisogno di veli e paraventi. In questa cornice, l”informazione resta (necessaria ma non sufficiente) sabbia tra gli ingranaggi e prezioso chi la va a scavare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...