Il gusto degli uomini

L’educazione delle donne è volta in maniera troppo esclusiva a valorizzare le attrattive della giovinezza e della bellezza.
Il problema è che il gusto degli uomini, quale che sia, è stato elevato a criterio della formazione del carattere femminile.

 

§

Emma Hart Willard,  all’Assemblea legislativa dello Stato di New York.
1819.

 

(Citato da: Storia del Popolo Americano, di Howard Zinn)

Informazioni su Mauro Poggi

Fotodilettante Viaggiamatore
Questa voce è stata pubblicata in Società e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il gusto degli uomini

  1. poetella ha detto:

    e adesso come si fa?😦

    • Mauro Poggi ha detto:

      E’ un modello culturale che riguarda entrambe le parti, quindi c’è da lavorare sia sull’una che sull’altra… Almeno credo. Ma è vero è che noi maschietti siamo quelli più “de coccio”:/ Tu cosa ne pensi?

      • poetella ha detto:

        vedi, caro… io la penso in un modo un po’… diciamo sovversivo. Infatti quel mio “e mo come se fa?” era una battutina. Sorry…
        Certo che c’è molta verità in quello che dice Emma Hart Willard.
        Non c’è dubbio che la formazione del carattere femminile sia… ecc ecc…
        ed anche, ovviamente, quella del carattere maschile.

        C’è da dire comunque che la Bellezza è un valore assoluto, e chi non ne è ammaliato getti la prima pietra. Sia che sia femmina, che sia maschio. Stesso dicasi per la giovinezza.
        Ma qui scatta la saggezza. Sempre sia femminile che maschile. Ché un conto è essere ammaliati, un conto …esserne schiavi. E parla una che schiava della bellezza è, anche se cerca di liberarsi di detta schiavitù.

        Est modus in rebus, caro… sempre.
        (e parla una smodata!)
        Ciao, dunque… e buon, Bella serata!

  2. Adriana ha detto:

    Qui si parlava di “gusto” e di “criterio”, più o meno condivisi e introiettati, e di “carattere”, non di “schiavitù”.
    Questo, nelle frasi di partenza.
    Ciascuno sarà poi “libero” di rendersi conto di che cosa sia “schiavo”, di quale tornaconto gliene derivi, della voglia eventuale di non esserlo.
    Ma il tema era un altro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...