A proposito del Servizio Sanitario Nazionale

Le proiezioni di crescita economica e quelle di invecchiamento della popolazione mostrano che la sostenibilità futura dei sistemi sanitari, incluso il nostro SSN di cui andiamo fieri […], potrebbe non essere garantita se non si individueranno nuove modalità di finanziamento e di organizzazione dei servizi e delle prestazioni. La posta in palio è chiaramente altissima e anche l’innovazione medico scientifica soprattutto nella fase di industrializzazione deve partecipare attivamente alla sfida considerando il parametro costo efficacia un parametro di valutazione non più residuale bensì di importanza critica.” Mario Monti.

Monti ha in seguito smentito che l’espressione “nuove modalità di finanziamento e organizzazione” potesse intendersi come una perifrasi per indicare forme di privatizzazione varie, ma il dubbio è rimasto.
Mi sono sembrate comunque interessanti le riflessioni dell’economista Vladimiro Giacché, pubblicate in un articolo del 1° dicembre su Il Manifesto, di cui propongo un ampio stralcio qui di seguito. Prima però vale la pena dare un’occhiata ai due grafici che ho ricavato da Google Public Data, mettendo a confronto la spesa sanitaria pubblica di diversi paesi espressa sia in % della spesa pubblica totale sia in valori pro-capite. I dati si fermano al 2010, ma non dovrebbero aver subito sostanziali modifiche nei due anni successivi, se non in diminuzione.
LI trovate QUI e QUI.

Stralcio articolo Vladimiro Giacché (il grassetto è mio):

Roberto Pizzuti ha messo in luce su queste colonne, dati OCSE alla mano, i più forti costi sul Pil della sanità privata negli Stati Uniti a fronte di una copertura solo parziale della popolazione. Non si vede infatti in che senso la sanità privata dovrebbe essere meno costosa e più efficiente di quella pubblica, anche a fronte dell’invecchiamento relativo della popolazione che, non v’è dubbio, contribuirà ad accrescere le spese sanitarie.

Volendo rimanere nell’ambito della “teoria del benessere” – la branca “buonista” della teoria neoclassica dominante – ogni sistema sanitario, pubblico o privato, si fonda su un principio assicurativo: come per gli autoveicoli, tutti si contribuisce a un fondo assicurativo comune utilizzato da coloro che vanno incontro a sfortunati eventi.

Questo è fatto con principi redistributivi nel sistema pubblico, per cui a parità di prestazioni chi percepisce redditi più elevati contribuisce in misura maggiore; senza principi redistributivi nel sistema privato, per cui la fascia più benestante della popolazione si crea la propria assicurazione sanitaria in cui paga molto e avrà prestazioni di ottima qualità (e comunque ampia copertura delle spese), mentre la fascia più disagiata paga meno con prestazioni di minore qualità (e comunque solo parziale copertura delle spese).

Le spese assicurative sarebbero inoltre assai onerose e dunque negate al crescere dell’anzianità dell’assicurato […] Va poi ricordato come le assicurazioni private mirano a realizzare profitti che vanno a ridurre le prestazioni a parità di contributi […]  la ricerca del profitto farebbe lievitare ulteriormente i costi del sistema.

Fuori dagli infingimenti assicurativi tipici dell’economia borghese, il colpo al SSN è un ulteriore sferzata alla parte indiretta del salario dei lavoratori relegati a un welfare per i poveri […].

Monti si mostra preoccupato che con l’invecchiamento della popolazione il finanziamento di una spesa crescente del sistema sanitario nazionale comporti una maggiore imposizione fiscale sui redditi. Ma se al contributo che già si versa al SSN come parte dell’imposizione fiscale – e che non verrà ridotto – si aggiunge una quota addizionale da versarsi alle assicurazioni private, qual è il vantaggio per i redditi dell’insieme del ceto-medio? Nessuno, a fronte in realtà dei molti svantaggi, costi maggiori e maggiore diseguaglianza nel diritto alla salute.
L’unico vantaggio è per i super-ricchi che non vedranno accrescere la loro contribuzione alla sanità sociale.

Insomma, un sistema privato è più costoso, inefficiente e ingiusto di uno interamente pubblico. Questo va naturalmente migliorato, e molto è stato già fatto come testimoniato dal bell’intervento di Stefania Gabriele nell’e book Oltre l’austerità.

Mentre dunque il sistema pubblico è il migliore per affrontare l’invecchiamento relativo della popolazione, sono le cieche politiche di austerità a predisporre un futuro buio per questo paese, giovani senza lavoro non in grado di sostenere anziani la cui vita attesa non potrà che, a quel punto diminuire, come accaduto in Russia dopo la fine del socialismo reale.

Una bella soluzione per una conquista sociale – vivere più a lungo assistiti – che lei invece, prof. Monti, vede solo come un problema.

Crediamo che con le sue ripetute dichiarazioni Lei abbia manifestato i suoi veri scopi: smantellare i diritti sociali e tutelare i ceti dominanti.

Anni fa Elsa Fornero propose piani di privatizzazione del sistema previdenziale pubblico che la migliore letteratura internazionale (fra cui chi scrive, si parva licet) dimostrò economicamente inconsistenti. Neppure bravi economisti, dunque; e con una agenda chiaramente antipopolare.
E’ chieder troppo che Bersani e Vendola prendano apertamente le distanze, ora e per il futuro, dall’agenda-Monti trasformando queste elezioni in un referendum pro o contro l’austerity?

Fonte

Annunci

Informazioni su Mauro Poggi

Fotodilettante Viaggiamatore
Questa voce è stata pubblicata in Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a A proposito del Servizio Sanitario Nazionale

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...